Fondazione Teatri di Piacenza
Archivio News
21 May 2019
CONCERTO PER LA FESTA DELLA REPUBBLICA - 2 GIUGNO 2019
21 May 2019
CONCERTO 2 GIUGNO
Un concerto aperto alla città per celebrare in musica la Festa della Repubblica. Domenica 2 giugno alle ore 20.30 l'Orchestra Filarmonica Italiana, diretta da Matteo Pais, porterà al Teatro Municipale di Piacenza un programma dedicato a compositori quali Giovanni Paisiello e Ottorino Respighi, per concludere in bellezza con il Concerto n.27 in si bemolle maggiore K.595 per pianoforte e orchestra di Wolfgang Amadeus Mozart. A interpretarlo la giovanissima pianista Anna Caterina Binda, nata nel 2004, vincitrice della selezione miglior talento al Festival “Sovico in Musica 2018" e di oltre trenta primi premi in concorsi nazionali e internazionali.
L'apertura della serata sarà affidata, come consuetudine, al Canto degli Italiani di Michele Novaro, ovvero il celebre “inno di Mameli” Fratelli d'Italia, in omaggio alla ricorrenza del 2 Giugno.
Seguirà l'ouverture dall'opera Il barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello, che in un unico movimento e in forma-sonata, introduce immediatamente il clima gaio del “dramma giocoso” rappresentato per la prima volta nel 1782 a San Pietroburgo.
Il concerto proseguirà poi con le Antiche danze e arie per liuto, Terza Suite per orchestra d'archi di Ottorino Respighi, partitura emblematica di una delle principali tendenze della musica italiana del Novecento, quella alla riscoperta della secolare tradizione strumentale italiana. A concludere il programma sarà quindi il concerto n.27 K.595 di Mozart, finito di comporre il 5 gennaio 1791 e la cui prima esecuzione avvenne in marzo a Vienna, a pochi mesi dalla morte del compositore.
L'Orchestra Filarmonica Italiana, che fa ritorno al Teatro Municipale dopo il successo della Tosca pucciniana nell'ambito della Stagione d'Opera 2018/2019, nella sua quarantennale attività ha collaborato con i più celebri direttori e interpreti, caratterizzandosi per la duttilità e qualità sia nel repertorio tradizionale sia in progetti innovativi legati alla contemporaneità. Sul podio, il giovane direttore Matteo Pais, che lavora regolarmente a Dresda, Salisburgo, Vienna, Firenze, Toronto, collaborando con Simon Rattle, Christian Thielemann, Fabio Luisi.
L'ingresso al concerto è libero.