Fondazione Teatri di Piacenza
Archivio News
02 February 2019
BACH PROJECT - 24 marzo 
02 February 2019
Bach Project
La Stagione Danza del Teatro Municipale di Piacenza prosegue domenica 24 marzo alle ore 16 con Bach Project di Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto, nuova creazione con musica eseguita dal vivo dall'ensemble Sentieri Selvaggi, prodotta con Torinodanza Festival/ Teatro Stabile di Torino–Teatro Nazionale, MITO SettembreMusica, Les Halles de Schaerbeek – Bruxelles, Fondazione per la Cultura Torino, Fondazione I Pomeriggi Musicali e MILANoLTRE festival. Per la prima volta, la produzione di Bach Project ha coinvolto anche i sei teatri di tradizione dell'Emilia-Romagna: Fondazione Teatri di Piacenza, Fondazione Teatro Regio di Parma, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, Fondazione Teatro Comunale di Modena, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Fondazione Ravenna Manifestazioni, con il patrocinio del Comune di Carpi.
Lo spettacolo è un dittico, composto dalle coreografie Sarabande e Domus Aurea, che ruota intorno alla musica di Bach. Dopo il progetto di Aterballetto dedicato al rapporto con arte e fotografia (In/Finito), e dopo la Tempesta che segna un avvicinamento al mondo del teatro, il Bach Project propone una tappa importante nell’esplorazione della relazione tra danza e musica, tra composizione classica e sua ricreazione contemporanea. Bach Project nasce dalla volontà di dare spazio sia ai maestri riconosciuti che ai giovani talenti, ma anche di tornare a presentare un pezzo con musica dal vivo. Una nuova creazione, Domus Aurea, ispirata alle musiche di Johann Sebastian Bach, è stata affidata a Diego Tortelli: il giovane coreografo ha coinvolto l’artista visivo Massimo Uberti. Il compositore Giorgio Colombo Taccani ha trascritto per l’ensemble Sentieri Selvaggi alcune Suite Francesi, messe al servizio della coreografia che coinvolge sedici danzatori di Aterballetto. La scrittura geniale di Bach è rivisitata da Colombo Taccani, nel segno del rispetto e della citazione, ma anche della libertà di invenzione.
Lo spettacolo si completa con un pezzo di Jirí Kylian del 1990, Sarabande, anch’esso ispirato dalla musica di Bach. Una creazione dall’affascinante struttura circolare, con una capacita` di muoversi tra livelli musicali ed espressivi diversi che ne evidenzia la straordinaria contemporaneità. Bach Project permette cosi` di affermare - intorno ad una dimensione musicale - una visione intergenerazionale, aperta e curiosa della creazione coreografica.