Fondazione Teatri di Piacenza
Stagioni Lirica Archivio
07 febbraio 2013
Lirica - Presentazione2012-2013
07 febbraio 2013
Giuseppe Verdi è al centro della Stagione lirica 2012-2013 della Fondazione Teatri di Piacenza. Don Carlo e Otello, due fra le opere più complesse della sua produzione, sono i primi titoli del nostro cartellone che si completa con l’amata “Trilogia popolare”: Rigoletto, Trovatore, Traviata. Accanto a Verdi ritroveremo Mozart con Le nozze di Figaro, in un progetto volto a valorizzare i giovani interpreti e realizzato insieme all’Accademia Cubec di Mirella Freni

In grande stile, la Fondazione Teatri di Piacenza si appresta a celebrare Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita; un ricordo più che doveroso per il maestro legato, come è noto, alla terra piacentina sia per vincoli parentali che per la dimora di Sant’Agata di Villanova. Il cartellone della Stagione lirica 2012-2013 gli concede dunque un posto d’onore con ben cinque opere in programma. In scena al Municipale saranno due dei drammi più complessi della sua produzione Don Carlo e Otello, nonché l’amata e nota “trilogia popolare”: Rigoletto – Trovatore – Traviata. Con i primi due siamo di fronte a capolavori della maturità verdiana i cui momenti di realizzazione si intersecano: infatti, le ultime rielaborazioni del Don Carlo e l’inizio della concezione di Otello risalgono agli stessi anni. Otello, peraltro, insieme a Traviata è stata l’opera in scena a Piacenza anche nel primo centenario della nascita di Verdi nel 1913. E sarà proprio la Traviata, negli allestimenti curati dal Ravenna Festival, a chiudere la prossima Stagione.
La seconda opera in cartellone è di Wolfgang Amadeus Mozart, altro grande genio del teatro lirico: Le Nozze di Figaro, il primo (1786) dei tre libretti di Lorenzo da Ponte che Mozart vestì di musica.

Don Carlo in scena il 28 ottobre e 30 ottobre ore 19,30 (Turni A e B) viene realizzato nella versione in cinque atti, che Verdi realizzò nel 1886 per Modena.
Lo spettacolo in scena al Municipale è un nuovo allestimento per la regia di Joseph Franconi Lee, con le scene dipinte da Alessandro Ciammarughi, prodotto dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in collaborazione con la Fondazione Teatri di Piacenza. Il cast comprende i due tenori Mario Malagnini e Sergio Escobar che si alternano nel ruolo del titolo, il basso Giacomo Prestia (Filippo II), il baritono Simone Piazzola (Rodrigo), il basso Luciano Montanaro (Grande Inquisitore), il soprano Cellia Costea (Elisabetta), il mezzosoprano Alla Pozniak (Principessa d’Eboli), Fabrizio Ventura dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna; il Coro Amadeus - Fondazione Teatro Comunale di Modena è guidato da Stefano Colò.

Dopo Don Carlo, la stagione lirica presenta nel mese di dicembre Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart in un nuovo allestimento che nasce a Piacenza firmato da Rosetta Cucchi. Peculiarità di questo spettacolo, in scena il 16 dicembre 2012 ore 15.30 (turno A), 18 dicembre 2012 ore 20.30 (turno B) e 20 dicembre 2012 ore 20.30 (fuori abbonamento) è la collaborazione con l’Accademia d’Alto Perfezionamento CUBEC (Centro Universale del Bel Canto) fondata da Mirella Freni e Nicolaj Ghiaurov. Nel cast figurano due voci esperte quanto stimate come il basso Simone Alberghini nel ruolo di Figaro e Annalisa Stroppa in quello di Cherubino; la Stroppa è stata applaudita al Municipale nella scorsa stagione nel ruolo di Stéphano in Roméo et Juliette. Accanto a loro nel ruolo di Susanna Ruzan Mantashyan, mentre la Contessa sarà interpretata da Nozuko Teto e il Conte da Valeriu Caradja; completano il cast: Barbara Aldegheri (Marcellina), Fumitoshi Miyamoto (Don Bartolo), Matteo Lippi (Don Basilio), Sara De Matteis (Barbarina), Felipe Correia Oliveira (Antonio). Aldo Sisillo dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna; il Coro del Teatro Municipale di Piacenza è diretto da Corrado Casati; le scene sono di Tiziano Santi e costumi di Claudia Pernigotti. A dare prestigio a questa produzione piacentina è la presenza di due partner come la Fondazione Teatro Comunale di Modena e la Baltimore Opera Theatre.

La Stagione prosegue con Otello capolavoro della maturità verdiana. Al Municipale l’opera, prodotta dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in coproduzione con la Fondazione Teatri di Piacenza e l’allestimento del Teatro Regio di Parma, andrà in scena il 22 marzo ore 20,30 (turno A) e 24 marzo ore 15,30 (turno B). Lo spettacolo, per la regia di Alberto Fassini, con le scene di Mauro Carosi, i costumi di Odette Nicoletti e le luci di Fiammetta Baldisserri, sarà ripreso da Pier Francesco Maestrini. Nel cast il tenore Kristian Benedikt nel ruolo di Otello, il soprano Asmik Grigorian (Desdemona), il baritono Alberto Mastromarino (Jago), il tenore Arthur Espiritu (Cassio), il tenore Gianluca Bocchino (Roderigo), il basso Enrico Turco (Lodovico) e il baritono Matteo Ferrara (Montano); Maurizio Barbacani dirige l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna.

A chiudere la Stagione sarà la nota trilogia popolare in un nuovo allestimento curato dal Ravenna Festival per la regia di Cristina Mazzavillani Muti e la presenza dell’Orchestra giovanile Luigi Cherubini diretta da Nicola Paszkowski, con la partecipazione del Coro Lirico del Teatro Municipale di Piacenza diretto dal maestro Corrado Casati. Rigoletto, nuovo allestimento, coprodotto da Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna e Fondazione Teatri di Piacenza sarà in scena per il turno A il 6 aprile (ore 20,30) per il turno B il 9 aprile (ore 20,30). Il Trovatore, una coproduzione Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna e Fondazione Teatri di Piacenza sarà quindi rappresentato per il turno A il 7 aprile (ore 15,30), per il turno B il 10 aprile (ore 20,30). La Traviata, una coproduzione Ravenna Festival, Teatro Alighieri Ravenna, Teatro Comunale di Ferrara e Fondazione Teatri di Piacenza sarà infine in scena per il turno A l’8 aprile (ore 20,30), per il turno B l’11 aprile (ore 20,30).

La campagna abbonamenti 2012-2013 inizia con il rinnovo delle tessere, che è possibile effettuare, per chi intende rinnovare l’abbonamento per tutte e sei le opere liriche, da giovedì 20 settembre a mercoledì 26 settembre, (apertura straordinaria domenica 30 settembre), per chi intende rinnovare l’abbonamento per tre opere liriche (Don Carlo – Otello – Nozze di Figaro oppure Rigoletto – Trovatore – Traviata), da sabato 29 settembre a mercoledì 3 ottobre. I cambi posto si possono invece effettuare venerdì 5 ottobre. Chi non intendesse esercitare il diritto di prelazione, è cortesemente pregato di darne comunicazione tramite mail (biglietteria@teatripiacenza.it), telefono (0523 492251) o fax (0523 320365).
Alla scadenza di tale data, la biglietteria potrà disporre del posto non confermato e renderlo disponibile ad altri che ne facessero richiesta all’apertura della sottoscrizione dei nuovi abbonamenti, per tutte e sei le opere liriche, da sabato 6 ottobre a domenica 28 ottobre (aperture straordinarie domenica 7 e 14 ottobre), per tre opere liriche (Don Carlo – Otello – Nozze di Figaro oppure Rigoletto – Trovatore – Traviata), da mercoledì 10 ottobre a domenica 28 ottobre (aperture straordinarie domenica 7 e 14 ottobre). I biglietti singoli saranno in vendita da domenica 14 ottobre.